Licei Poliziani - Montepulciano

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Home Risorse Novità dall'Universo
Novità dall'Universo

Tripudio di stelle in antichissime galassie


Luna nuova: 11h 45 m 23 luglio 2017





Tripudio di stelle in antichissime galassie



Un team di astronomi ha scoperto un nuovo genere di galassia che, sebbene incredibilmente antica in quanto risalente a meno di un miliardo di anni dopo il Big Bang, crea stelle ad un tasso oltre un centinaio di volte superiore alla nostra Via Lattea. Lo studio è stato pubblicato su Nature. La scoperta degli scienziati potrebbe contribuire a risolvere un mistero cosmico: un’enigmatica popolazione di galassie sorprendentemente massicce in un’epoca in cui l’Universo aveva soltanto intorno al 10 percento della sua età attuale. La popolazione appena scoperta potrebbe spiegare come queste galassie estremamente grandi siamo arrivate ad avere centinaia di miliardi di stelle quando si sono formate, soltanto 1,5 miliardi di anni dopo il Big Bang, fatto che implica una formazione stellare a ritmo davvero forsennato. Il team, guidato da Roberto Decarli del Max Planck Institute for Astronomy, ha realizzato questa scoperta mentre era alla ricerca di quasar, sorgenti estremamente luminose che prevedono la presenza di un vorace buco nero supermassiccio attivo al centro di grandi galassie. Lo scopo era quello di studiare la formazione stellare nelle galassie che ospitano questi quasar. “Ma ciò che abbiamo trovato, in quattro diversi casi, sono state galassie compagne, vicino ai quasar, che stavano formando stelle ad un ritmo frenetico, producendo un centinaio di masse solari per anno”, ha spiegato Decarli. “Molto probabilmente non è una coincidenza rinvenire queste galassie produttive vicino a quasar brillanti. Si ritiene che i quasar si formino in regioni dell’Universo in cui la densità a vasta scala della materia è molto più elevata della media. Quelle stesse condizioni dovrebbero essere favorevoli alla formazione di nuove stelle ad un tasso notevolmente maggiore”, ha aggiunto Fabian Walter, un coautore. Il team ha inoltre scoperto quello che sembra il più antico evento conosciuto di fusione in corso tra due galassie. Le nuove osservazioni forniscono l’evidenza diretta che simili fusioni hanno avuto luogo persino nelle primissime fasi dell’evoluzione galattica, meno di un miliardo di anni dopo il Big Bang.